Clicca sulla copertina per accedere alla scheda sul sito della casa editrice Tunuè.
Clicca sulla copertina per accedere alla scheda sul sito della casa editrice Tunuè.

Mamma, ma cos’è uno scarabeo? – Mi domanda incuriosito Luigi, che a 5 anni non ne ha mai visto uno, mentre leggiamo “Jorge e Pepito” di Maria Gianola (Tunuè).

Gilles, un bimbetto dall’aria simpatica e sognante, con grandi occhialoni da vista e ciuffo ribelle, ha salvato uno scarabeo da una pozzanghera e l’ha portato con sé a casa per farlo asciugare. Un atteggiamento di accoglienza e ospitalità che tutti dovremmo imparare. E non è l’unico consiglio importante che Maria Gianola tramite Gilles dà ai piccoli, e grandi, lettori sull’accoglienza, perché Gilles per saperne di più sugli scarabei apre un libro “Il mondo degli insetti” e cerca informazioni sul suo nuovo amico. Grazie al libro, scopre che Pepito, questo il nome dell’insetto, è un esemplare raro, a rischio di estinzione: lo scarabeo golia. Mai dunque fermarsi alla prima impressione, mai limitarsi a una storia unica, ma informarsi per conoscere gli altri e sapere di loro.

32402276_2134244140222035_705393901002817536_nLuigi è attratto subito dal libro che Gilles sfoglia e mi chiede di poterlo avere anche lui. I libri dovrebbero fare proprio questo: far venire voglia di leggere altri libri.

E chi è Jorge? A quella dell’amicizia, bene prezioso da proteggere a costo della vita, tra Gilles e Pepito, si alterna quella di un naufragio avvenuto il 12 gennaio 1977: una petroliera con a bordo 38 membri dell’equipaggio affonda al largo di Cape Cod, formando una chiazza di 230 km.  A scivolare su quella chiazza melmosa e vischiosa una cassa di legno, con due strane creature rosa e senza pelo, fasciate sul dorso da una corazza a scaglie. Chi sono e cosa hanno a che vedere con Jorge lo lasciamo scoprire ai lettori di “Jorge e Pepito”. Quello che finora ho raccontato vale a rendere l’idea dei tanti temi importanti che Maria Gianola intreccia con leggera e partecipe sapienza: accoglienza, emigrazione, identità, bullismo, coraggio, ecologia, sfruttamento delle risorse, insieme a quelli più classici della letteratura per l’infanzia: l’eroismo, la curiosità,  l’amicizia, la cura degli altri, la partecipazione umana al mondo naturale.

I disegni sempre di Maria Gianola danno vigore alla narrazione, inteneriscono i lettori adulti e facilitano la comprensione della storia di quelli più piccoli. Così come sempre capita, quando le immagini e i colori sono quelli azzeccati, Luigi dopo una seconda e terza lettura insieme a me, per chiedere dettagli, fare premonizioni e dare spiegazioni che alla prima lettura erano rimasti latenti, si concede la sua rilettura personale: sfogliare con i suoi tempi e la sua curiosità le pagine del libro, per raccontarsi da sé attraverso le immagini la felice avventura di Pepito con Gilles, Gynevre, l’amica speciale e compagna di scuola del bambino, e la maestra Lynde che sa sempre tutto di tutti, che siano insetti o ex allievi; e quella di Jorge, curioso di conoscere il mondo, e della sua famiglia che abita in un bosco nascosto di Central Park.

Il segreto e la felicità della penna e della matita, dei tratti e dei colori di Maria Gianola è quella di riuscire a raccontare e disegnare una straordinaria avventura come se fosse una favola, capace di entrare nei cuori dei grandi, perché vi riflettono temi importanti della contemporaneità, e di rimanere impigliata nelle maglie magiche della memoria dei piccoli, che dalle narrazioni dell’infanzia trarranno modelli e abiti mentali.

Per i piccoli, come Jorge alla scoperta del mondo, è facile esclamare:

Dirò a tutti che il mondo è una meraviglia e non c’è proprio nulla da temere!

Ma gli adulti sanno bene che questo potrebbe essere un inganno. Maria Gianola non edulcora la realtà, la sua storia prevede anche il marrone e il nero, il buio e la paura di un mondo strano, difficile da decifrare. La lezione,  che Jorge trarrà dalla sua avventura, è quella più vera e valida per tutti, piccoli e grandi:

Anche quando il mondo faceva un po’ paura, c’era sempre qualcuno di cui ci si poteva fidare.

Non so voi, ma è proprio questo che vorrei che Luigi comprendesse e portasse con sé, quando diventerà un adulto.

“Jorge e Pepito” insieme a Luigi
Tags:         

Lascia un commento