Dieci buon motivi

di Lou Palanca

per NON leggere “A schema libero

aschemalibero_1

  1. La settimana enigmistica è un relitto del passato che non ha spazio nel tempo dei social. E per di più è anche noiosa.
  2. Ho trascorso tutta la vita senza sapere cosa accadde a Reggio Calabria tra il 1970 e il 1971 e voglio continuare ad ignorare ciò che riguarda la più grande rivolta urbana dell’Occidente.
  3. Non amo la narrativa ibrida di questo inizio millennio e voglio leggere solo libri dallo stile ben identificabile.
  4. La letteratura non è come la musica e non credo nelle band narrative. La scrittura è un genere esclusivamente per solisti.
  5. “Menti raffinatissime” è una citazione che proprio non capisco.
  6. La memoria è per chi vuole ricordare, capire, collegare non per chi vuole vivere serenamente tra cruciverba e masterchef.
  7. Non amo i colpi di scena, i colpi di testa e i colpi di coda.
  8. Tra la letteratura d’evasione e l’evasione di Franco Freda preferisco decisamente la prima.
  9. La Calabria è solo un’espressione geografica.
  10. Non credo nei gol da calcio d’angolo, nelle piccole case editrici e nei servizi segreti trasparenti.
Dieci Buoni Motivi per NON leggere “A schema libero”
Tags: