Dieci Buoni Motivi

di Silvia Bencivelli

MG_5958-2-768x512

per NON leggere “Le mie amiche streghe

978880623207GRA

1. per non dover dire, verso pagina 30, “ah, questa cazzata la fa anche mia sorella!”, perché povera sorella, dai.
2. per non dover dire, verso pagina 80, “cavolo, a questa panzana credevo anch’io”, perché poi ci si rimane male, su.
3. per non dover dire, intorno a pagina 120, “ma non è che alle stronzate crediamo un po’ tutti quanti…”, perché si finisce per diventare buoni, o qualcosa di simile.
4. perché a volte fa ridere, ma l’autrice non è convinta che questo succeda esattamente laddove era davvero sua intenzione.
5. perché parla di vaccini, omeopatia, oroscopi: tutta roba di cui si sente già abbastanza.
6. perché i personaggi principali sono quasi tutte femmine, ma non soffrono di particolari strazi interiori, vanno d’accordo con gli uomini che hanno intorno, e sono sostanzialmente felici: troppo verosimile, dai.
7. perché si scopre che anche le persone di scienza hanno vite normali, fanno cose normali, e a volte sono stronze come tutte le altre.
8. perché la protagonista avrebbe voluto scrivere libri di avventure nei mari del sud e invece scrive di astronomia e va in spiaggia a dieci chilometri da casa, ma è contenta lo stesso.
9. perché sì, la trama è debole. E allora? la trama delle vostre vite è davvero tanto più avvincente?
10. perché è uno di quei libri con dentro la nonna.

Dieci Buoni Motivi per NON leggere “Le mie amiche streghe”
Tags: