federica.guglietta_fotoprofilo

 

 

 

 

 

 

Federica Guglietta

scrive di libri ogni lunedì su illunedìdeilibri.it e ogni volta che capita su ultimapagina.net

 

cropped-LOGO_SITO-1

 

Sono sincera. Quando Giuditta mi ha proposto di scrivere qualcosa per I tre colori della lettura, ero a casa dei miei e avevo messo sottosopra la mia cameretta (sì, proprio quella da adolescente con le pareti viola e le foto dei diciottanni) per sistemare la libreria. Una libreria organizzata per colori era ciò che volevo. Una libreria organizzata per tonalità è quella che ad oggi mi ritrovo a casa mia.

Cominciamo.

Chiaro

edf

Il bianco della lettura per me è quello Einaudi: segno riconoscibilissimo di ordine, purezza e luce della letteratura. Ho scelto di mostrarvi tre romanzi che sono tutt’altro che semplici, ma che di luce ne emanano tanta, per stile, importanza letteraria e tematiche. La scrittura di Agota Kristof in Trilogia della città di K. scandaglia il buio dell’animo umano, quella di Franzen nel suo Le correzioni fa luce su dinamiche familiari, in Underworld di DeLillo c’è un mondo.

 

Scuro

edf

Il nero è il colore degli Oscar Classici Mondadori: preziosi, bellissimi, indispensabili. Dovrò farne incetta sul Libraccio prima che spariscano tutti. Anna Karenina è uno tra i fondamentali, così come Le avventure di Alice nel Paese delle meraviglie, che nasconde molto più di quanto si creda… tra il nero delle sue picche e il rosso dei suoi cuori. Da qualche anno a questa parte mi sono appassionata alla scrittura teatrale, la profondità dei protagonisti di Čechov è tutta da scoprire. 

 

Pastello

edf

La letteratura nordica di Iperborea è una nova acquisizione della mia libreria di casa. Sono letture che approfondito da relativamente poco, ma che, grazie ai loro colori e al loro freddo intenso, mi hanno catturata da subito. Le copertine sono meravigliose e virano in tutte le colorate gradazioni del pastello. Dei tre libri presenti in foto, due sono mie letture in corso. Menzione speciale, seppure non sia presente in foto, a Io non mi chiamo Miriam, di Majgull Axellson, un romanzo nuovo e unico nel suo genere.

I tre colori di Federica Guglietta (Il lunedì dei libri)
Tags: