Cover illustrato

– Mamma, voglio andare anch’io a Gerusalemme, al museo dello Yad Vashem per conoscere l’Orsetto di Fred. C’è veramente? – è il primo commento di Giusi, nove anni, non appena terminiamo di leggere il libro.

bearIn effetti abbiamo sentito entrambe un brivido e ci siamo scambiate un lungo sguardo pieno di emozione, quando a p. 42, verso la fine del libro, vediamo la foto dell’orsetto e riconosciamo la testa di un tessuto diverso rispetto al corpo, come abbiamo letto nella storia. Il prologo e l’epilogo di “L’Orsetto di Fred” (Gallucci) raccontano infatti la generosa donazione al museo israeliano da parte di Fred Lessing del suo peluche, unico legame e oggetto familiare durante i due anni e mezzo in cui bambino fu costretto alla clandestinità.

Iris Argaman con “L’orsetto di Fred” (traduzione di Elena Loewenthal) affida ai piccoli una storia preziosa: Fred è un bambino ebreo che vive in Olanda durante la seconda guerra mondiale. Come tutti gli ebrei è costretto a lasciare la sua casa e a trovare un rifugio, come pochi riesce a sopravvivere e a guerra finita si trasferisce in America, dove vive tutt’ora.

thumbnail_box

È l’orsetto di Fred  a raccontare la vicenda, condividendo inconsapevolezza e ingenuità con i piccoli lettori a cui la storia è indirizzata. Scelta felice per far scattare repentina e profonda l’immedesimazione con la voce narrante:

Io non capivo perché Fred dovesse stare attento a non dire a nessuno chi era. Aveva fatto qualcosa di male? Ma lui mi strinse forte, schiacciandomi fra le sue mani.

Durante la lettura, anche Giusi mi rivolge degli sguardi pieni di interrogativi, ai quali però io non voglio dare risposta, per non interrompere la stringente e partecipata interazione tra l’io narrante e lei lettrice, rassicurandola che alla fine del libro le avrei spiegato il significato della stella gialla che il nonno attacca al cappotto di Fred e che la mamma stacca con rabbia, decidendo di portare con sé il bimbo per cercare un nuovo nascondiglio; il perché Fred non può rivelare chi è e da dove viene; da chi stanno fuggendo e il motivo del loro nascondersi.

E io avevo la testa piena di domande, di pensieri.

Le stesse domande e gli stessi pensieri che vedo agitarsi negli occhi di Giusi: non è questo il ruolo fondamentale dei libri per bambini? Quello di riempire la testa di domande e di riflessioni, ancora più che fornire risposte, che necessariamente sarebbero offerte dalla prospettiva dell’adulto?

Ma non è il solo obiettivo riuscito e raggiunto dalla scelta di questa prima persona del racconto così infantile e leggera. Come l’Orsetto, anche il lettore, piccolo o grande che sia, è terzo rispetto alla tragicità di quanto narrato. È Fred a essere in pericolo, l’Orsetto è al sicuro nel suo essere di pezza, incolume alla malvagità e alla catastrofe che vede intorno. Ma è anche affettivamente ed emotivamente legato a Fred. Emozioni intense, punto di vista, visione della realtà che condivide perfettamente con il lettore. Sono dalla stessa parte, l’Orsetto e il lettore, e guardano a Fred e alle sue vicissitudini con le stesse sensazioni e gli stessi sentimenti.

ruines“L’Orsetto di Fred” (quanto sentimento in quel complemento di specificazione, ricco di appartenenza, del titolo italiano rispetto alla semplice congiunzione del titolo originario: “Bear and Fred”) ha il pregio di non voler soltanto raccontare la Shoah, che rimane sullo sfondo, come nelle toccanti illustrazioni di Avi Ofer in cui i dettagli ambientali, ad esempio le macerie di un paese in guerra, sono accennati da semplici tratti di matita, ma di dare spazio a una storia di grandi sentimenti, un’amicizia che è protezione e accudimento.

Con Giusi ci soffermiamo sulla splendida copertina. In un primo tempo la bimba non capisce il piccolo Fred stretto tra le braccia dell’Orsetto, a sua volta sostenuto dal “vero” Fred. Riflettiamo insieme ed è lei che mi spiega che quando Fred rimane solo tra estranei, è l’Orsetto a prendersi cura di lui, così come all’inizio della storia era Fred a occuparsi del suo giocattolo.

download (2)

È semplice allora spiegare a Giusi cos’è la memoria: quanto un semplice giocattolo, un orsetto logoro e malridotto possa conservare il significato e il senso di ciò che è accaduto, nonostante il passare del tempo. A veicolare l’importanza dell’Orsetto come emblema della memoria anche l’uso dei colori voluto da Ofer. Sul grigio, triste e sconsolato delle figure umane, spicca il giallo/marroncino dell’Orsetto, custode e scrigno di una storia tragica con un lieto fine.

A lettura terminata, con il cuore in tumulto e la mente frastornata di pensieri, io e Giusi ci guardiamo a lungo e con il libro stretto in mezzo ci concediamo un perdurante abbraccio in cui sedimentare tutte le emozioni di una storia ricca di pathos soprattutto per il legame vibrante che sa creare, attraverso il tema del ricordo e del “monumento” nella sua etimologia derivante da “monitum”, tra passato e presente, anche grazie alle ultime pagine in cui l’Orsetto e la scrittrice si rivolgono direttamente a chi legge, raccontando la propria storia dentro la Storia e fuori dalla storia.

L’Orsetto di Fred
Tags: